roero

Il nostro territorio

…Dopo Montà alla prima curva, l’orizzonte si apre larghissimo, frastagliato di bricchi, di paesi alti sui colli, di campanili e di torri; sembra di essere attesi, in quel paesaggio mosso e vivo, e si scende veloci, oltre Canale, al Tanaro gonfio di piena…”
Carlo Levi – Ritorno ad Alba

roero

Roero

Il Roero è la porzione di colline che fiancheggia la sponda sinistra del fiume Tanaro, che lo separa dalle Langhe fino a lambire le province di Torino e di Asti. Qui le attività umane, le coltivazioni ed i borghi storici si inseriscono in una natura ancora selvaggia fatta di folta vegetazione ed aspre colline.

Fu la nobile famiglia astigiana dei Roero a dare il nome al territorio, di cui nel Medioevo possedevano la maggioranza dei castelli e delle terre.
Una frattura lunga 32 km solca il morbido paesaggio di colline del Roero: sono le Rocche, un insolito fenomeno geologico nato nella notte dei tempi, sulle cui cime sorgono i borghi di sommità. Un territorio di passaggio, ancora oggi caratterizzato da una spiccata vocazione mercantile e di accoglienza antiche di secoli.

Gli antichi boschi della “silva popularis” già nota ai Romani, i castagneti monumentali e le vigne aggrappate in cresta: un paesaggio in cui immergersi, seguendo le indicazioni dei Sentieri tematici.
I grandi cru dell’enologia: il Roero Arneis DOCG e il Roero DOCG, da vitigno nebbiolo, da degustare all’Enoteca regionale del Roero.
La ricca varietà ortofrutticola del Roero: la pesca di Canale, la pera madernassa, la fragola di Sommariva Perno. Una scorpacciata di delizie stagionali, senza dimenticare il prelibato miele d’acacia ed il Tartufo.

Gli antichi mestieri e le botteghe artigiane: ambienti ricostruiti per un tuffo nel passato, nel panoramico Castello medievale di Cisterna d’Asti.
Le architetture tradizionali: a spasso per le vigne, per rifugiarsi all’ombra dei ciabòt o prendere il fresco nei crutin, le cantine sotterranee scavate nel tufo.
Dimore signorili e residenze sabaude: Guarene, Magliano Alfieri e Govone, castelli affacciati sul Tanaro, con una visuale già amata dai Savoia. Bra, la città degli orti e della cultura della tavola. Dalle osterie affacciate sulle Chiese barocche nasce la filosofia dello “Slow Food”.
Ed infine… i racconti popolari sulle masche, le streghe locali che vivono nella memoria dei luoghi e nelle testimonianze dei suoi abitanti.


roero

Proposte culturali comodamente raggiungibili dalla nostra cascina

L’Ecomuseo delle Rocche del Roero riunisce in un unico museo a cielo aperto gli otto comuni di sommità sorti dopo l’anno mille sulla faglia delle “Rocche”.

Da Cisterna a Pocapaglia, passando per Montà, ci si imbatte in un territorio unico fatto di borghi arroccati sui crinali delle colline, una flora unica composta da microclimi secchi che convivono accanto ad altri estremamente umidi.

“Le Rocche” sono un fenomeno geologico di erosione che caratterizza la porzione centrale del Roero creando burroni che sprofondano per centinaia di metri.

Scoprite le “Rocche del Roero” attraverso le proposte turistiche dell’Ecomuseo: trekking guidati, oltre 100 km di sentieri adatti anche alla mountain bike, “Bio Pic-Nic” in piccoli fabbricati tipici, visite in cantina e tanto altro. ( www.ecomuseodellerocche.it )


– a meno di 30 km:

  • Museo Naturalistico del Roero a Vezza d’Alba.
  • Museo di Arti e Mestieri antichi nel Castello Medievale di Cisterna d’Asti.
  • Museo di Arti e tradizioni popolari “La Cultura del Gesso” nel Castello di Magliano Alfieri.
  • Bra, la città barocca dello Slow Food ed i suoi Musei: Museo del Giocattolo, Museo Storico-Archeologico di Palazzo Traversa, Museo Civico“Craveri” di Storia Naturale a Bra.
  • Alba, capitale delle Langhe e del Tartufo, con le sue torri medievali ed il Museo Civico Archeologico “Eusebio”.
  • Barolo, Grinzane Cavour, Serralunga d’Alba: i vigneti, le Enoteca Regionali, il Museo dei Cavatappi, WIMU il Museo del Vino, i Castelli Medievali.
  • Barbaresco, Neive, Mango: i vigneti, le Enoteche, i centri storici, la torre quadrata di Barbaresco, il Parco Avventura.
  • Asti ed il suo centro storico medievale: il complesso di San Pietro, la Torre Troiana, il Duomo gotico.


– da 40 a 60 km:

  • Torino, la città sabauda dell’auto e della cultura: Mole Antonelliana, Museo del Cinema, Museo Egizio, Palazzo Reale, Museo Arti Orientali, Galleria d’Arte Moderna, Museo dell’Automobile, Armeria Reale, Basilica di Superga.
  • Reggia della Venaria reale
  • Castello Sabaudo di Racconigi & Oasi Lipu Cicogne & Anatidi
  • Palazzina di caccia di Stupinigi, patrimonio Unesco


roero

Attività per tutti

Trekking

Splendide passeggiate vi attendono a Montà, sede e punto di partenza dell’Ecomuseo delle Rocche, un museo a cielo aperto che riunisce gli otto comuni di sommità, sorti dopo l’anno mille sulla faglia delle Rocche, fenomeno geologico di erosione che caratterizza la porzione centrale del Roero.

In collaborazione con l’ Ufficio Turistico di Monta’ e l’Associazione Andar per Roero troveremo insieme a voi il percorso più adatto alle vostre esigenze e, su prenotazione potrete godere di un pranzo al sacco in un bel Ciabot del Roero.

Bicicletta

Per gli appassionati di Tour in Bike o semplici pedalate, dal singolo, al gruppo, alle famiglie, ci affidiamo ad esperti del settore con personale specializzato per la vostra passione, il vostro divertimento in sicurezza e libertà.

Potrete noleggiare insieme alla bicicletta tutti gli accessori, casco, guanti; agli ospiti di Cascina Ponchietta è riservato un particolare sconto.
Novità assoluta è poi Il nuovo centro didattico Outdoor con Bike Park a Montà.

Il progetto “CentroOutdoor” dell’Ecomuseo delle Rocche del Roero che si trova a Montà in località S.Grato è in assoluto la prima area del basso Piemonte dedicata a tutte le attività che si possono fare all’aria aperta nella zona delle Rocche del Roero.

Motociclismo

Vi suggeriamo alcuni itinerari interessanti che sappiamo essere particolarmente apprezzati dai motociclisti, segnalati sul sito ( www.langheroero.it ) dell’Ente Turismo Alba Bra Langhe Roero:

– Guardando il Roero 98 km
– Langhe e Roero tra lago e mare 402 km
– A zonzo sulla Langa del Vino 152 km
– Su e giù tra le case di Pietra 150 km



L’oro delle nostre colline: il tartufo bianco

In autunno il protagonista indiscusso delle nostre colline è il Tartufo Bianco d’Alba.

Se volete potrete assistere alla ricerca del Tartufo, l’esperienza più emozionante per un appassionato di tartufi. Un cercatore accompagnato dal suo cane vi condurrà nel bosco, alla ricerca del prezioso fungo ipogeo, guidato solo dal fiuto dell’animale e dall’intuito maturato in anni di esperienza.

La ricerca sarà accompagnata da un esperto che nel caso potrà anche essere affiancato da guide in grado di parlare tedesco, inglese e francese e fornirà le indicazioni essenziali per comprendere come, dove e perché nascono i tartufi.
Se siete interessati potremo prenotare per voi la ricerca del tartufo con il tipico Trifulè!

TI ASPETTIAMO TUTTO L'ANNO

PER OGNI STAGIONE SCOPRI LE ECCELLENZE DEL TERRITORIO DEL ROERO



Casali Ponchietta, 17 – Frazione San Vito – 12046 Montà (CN)

M +39 333 127 3044 – T +39 0173 976650

CHECK-IN 15:30 - 22:00 CHECKOUT 7:30 - 10:30